COP21 – Siamo Tutti in fibrillante attesa nella lotta tra Luce e Oscurità: speranza con l’accordo segreto più petizione

I leader che hanno stipulato alleanza segreta per obiettivi ambiziosi alla COP21

COP21: Siamo Tutti in fibrillante attesa nella lotta tra Luce e Oscurità

Due giorni fa un articolo di speranza per noi tutti è apparso su The Guardian, e ieri pure su Coalizione Clima (coalizione di cui noi di Ecopsychelab-Ecopsicologia Applicata facciamo parte) l’articolo “COP21: un accordo segreto che potrebbe portare ad una svolta“,
si legge  della segreta alleanza sancita in Luglio ( in un drink informale in occasione di un incontro sul clima a Parigi) e per la prima volta avvenuta tra Paesi svilluppati e Paesi in via di sviluppo in vista degli accordi della COP21: un’alleanza fatta proprio per spingere ad un accordo

Aleanza alla COP21 Guerrieri della Luce

Guerrieri della Luce

globale e giuridicamente ambizioso e vincolante sul cambiamento climatico.

La coalizione si era poi vista in segreto per almeno altre tre volte, l’ultima a Settembre a margine dell’assemblea generale delle Nazioni Unite:
il Ministro degli esteri delle Isole Marshall Tony de Brum ha detto tre giorni fa che la coalizione ha aspettato a rendere pubblica la sua opera fino a quando non avrebbe avuto svelandosi  il maggior impatto sui negoziati: cosa appunto avvenuta l’8 Dicembre, a ridosso degli ultimi decisivi giorni di negoziato.

L’impatto immediato di forza di questa coalizione è stato subito impressionante una volta che si è volutamente svelata a tutti alla COP21 di Parigi, relativamente al fatto che rivela come la motivazione al giusto ed efficace sacrificio ci sia anche nei paesi in via di sviluppo, e soprattutto rivela come sia più che possibile ma anzi certo il connubio tra paesi sviluppati e paesi in via di sviluppo su procedure condivise di mitigazione e contenimento del cambiamento climatico.
Questa inattesa alleanza tra paesi sviluppati ed in via di sviluppo invia inoltre un chiaro messaggio all’altro principale schieramento:
Cina, India, Brasile, Arabia Saudita, nonché  agli altri paesi facenti parte dell’Umbrella Group (Australia, Canada, Giappone, Russia, Nuova Zelanda) ancora nella condizione sempre più difficile (data l’alleanza che si è disvelata con il colpo di scena dell’8 Dicembe) di dover scegliere assieme a quale gruppo schierarsi.

La Luce…la “coalizione ambiziosa e illuminata” ingloba la maggior parte dei 195 paesi presenti alla COP21, si compone di 79 paesi dell’Africa, dei Caraibi e del Pacifico, con gli Stati Uniti e tutti gli Stati membri dell’UE (ormai denominata the High Ambition Coalition).

Eventi climatici estremi - Cambiamento ClimaticoLa coalizione svelata si sta impegnando per raggiungere almeno quattro obiettivi chiave per un successo reale della COP21:
un accordo sul clima in uscita dalla conferenza di Parigi con norme giuridicamente vincolanti; fissare un obiettivo chiaro a lungo termine sul riscaldamento globale che sia in linea con i pareri scientifici (per esempio gli scenziati affermano che il contenimento del riscaldamento deve essere entro 1,5°C. per essere potenzialmente efficace ed evitare una catastrofe senza ritorno rispetto agli eventi climatici estremi, e non i 2°C. che invece vorrebbero India Cina ecc.;  un meccanismo di revisione degli impegni di emissioni dei paesi ogni cinque anni; e creare un sistema unificato per monitorare i progressi dei paesi nel soddisfare i loro obiettivi di riduzione delle emissioni di carbonio.
Un’alleanza che si apre e invita tutti gli altri, Miguel Arias Cañete, commissario UE per il clima, ha detto l’8 Dicembre: “Invitiamo gli altri paesi a unirsi a noi. Insieme possiamo farcela “.

Il sottile equilibrio tra Luce e Ombra… speriamo: ying yang- Luce Ombra
che in questo momento cruciale per la storia dell’essere umano e del pianeta terra con tutto il suo bagaglio di vite animali e vegetali
speriamo proprio che si possa far prevalere la Luce…l’evoluzione…l’intelligenza ecologica
…e non l’egocentrismo dell’essere umano portatore di una non effettiva intelligenza a nostro avviso
speriamo che in questi giorni si segni realmente un passo indietro per ristabilire il percorso di ritorno per l’essere umano: dall’egocentrismo all’ecocentrismo!

E così nel frattempo è stata creata anche una Petizione, anch’essa dunque al rush finale per raccogliere migliaia e migliaia di firme-messaggi di persone comuni come tutti noi, lanciata da avaaz.org notoriamente capace di muovere grandi masse, firmandola si manda a proprio nome questo  messaggio:

“Noi, persone di tutti i paesi del mondo, vi chiediamo di unirvi a oltre un centinaio di nazioni che ha appena annunciato la loro volontà di Climate Wars - Avaazraggiungere un risultato ambizioso a Parigi, per evitare cambiamenti climatici catastrofici. Questo richiede un movimento globale a favore di un obiettivo del 100% di energia pulita entro il 2050, con finanziamenti per le nazioni più povere per la transizione e adattamento, e regole severe per regolamentare i vari gradi del nostro progresso. Avete il potere di fare o rompere un accordo che assicura un futuro sicuro e pulito per l’umanità. Il mondo conta su di voi.”

Noi collaboratori di ecopsychelab naturalmente l’abbiamo già firmata e inviata e speriamo che siate in tanti anche Voi.
D’altra parte pensiamo che Ora, in questo momento storico, occorra che ognuno di Noi faccia nel suo piccolo la sua piccola / grande parte:

in questo momento stiamo Tutti al Centro della Storia

Dunque con la petizione si mira anche a far sentire India, Cina, Brasile, Arabia Saudita sole nella loro posizione inefficace rispetto ad un realistico e concreto contenimento del riscaldamento globale. (Percorrendo la nostra silente analogia, una posizione che sostanzialmente ripeterebbe quella condizione di ‘falsa Luce’ che copre la reale parte oscura: traducendo…quella situazione delle ultime COP in cui sono prevalse le posizioni di quei paesi e realtà economiche a cui stanno bene risoluzioni non vincolanti e troppo morbide in quanto a monitoraggio dell’effettivo impegno dei singoli paesi)

Ora in realtà si può dire:
c’è bisogno di essere illuminati,
le redini del mondo in questa storica decisione devono accedere alla consapevolezza reale, ad una visione globale e disinteressata,
si tratta delle sorti della vita sul nostro pianeta (sono innumerevoli le specie animali che si estinguono ogni anno, da anni ormai, a causa del cambiamento climatico e Cambiamento Climatico: pianeta terra nelle mani dell'uomo dell’indiscriminato impatto delle azioni umane).

E così aspettiamo e speriamo…in queste ultime fasi concitate della COP21 le commissioni lavorano anche di notte, già sembra che la risoluzione completa non uscirà Venerdì 11 sera ma il giorno dopo, non sarebbe la prima volta che succede.

E così aspettiamo e speriamo…
C’è chi nel frattempo prega

(non si sentirà solo visto lo stimatissimo impegno diretto di Papa Francesco per la causa della gestione del Cambiamento Climatico, ricordiamo la ormai rinominata ‘eco-enciclica’, le numerose comunicazioni dirette del Papa sull’argomento, in ultimo la splendida performance visuo-concettuale Fiat Lux proprio l’8 Dicembre sulla facciata della Basilica di S.Pietro messaggio di protezione della casaMeditare sul creato - consapevolezza comune e per i leader riuniti a Parigi )
c’è chi nel frattempo medita
(si riunisce in meditazione in gruppo o da solo, per modificare l’attitudine di questo mondo umano, aiutare con le forze spirituali il coraggio dei leader a Parigi)
c‘è chi nel frattempo manifesta,
c’è chi nel frattempo firma petizioni
c’è chi nel frattempo spera.

 

Post Scriptum
- Updates dell’ultima ora da COP21 Parigi: il Brasile si è unita oggi alla # HighAmbitionCoalition – Un altro colpo di spada!

avatar

Posted by Alessandra Perri

La mia formazione ed esperienza professionale, come psicologa e formatrice – nonché psicoterapeuta, specialista tecniche Yoga in Contesti Educativi, esperta di Ecopsicologia Applicata... Seguimi su Twitter

Comments are closed.